Privati
UnipolSai Sito Cliente
UnipolSaiLogoMini
Unipolsai Logo
Mobilità
Mobilità
Assicurazione AutoUnipolSai KM&Servizi Auto
Casa
Casa
Assicurazione CasaUnipolSai Casa&Servizi
Protezione
Protezione
Assicurazione InfortuniUnipolSai Infortuni Premium 2.0Unipolsai Infortuni SmartUnipolSai Infortuni Circolazione
Torna Indietro
Plus - Mobilità
cosa devi sapere per viaggiare in sicurezza
23 marzo 2021

Tribù su due ruote

Il mondo degli appassionati delle due ruote si potrebbe facilmente dividere in tribù, clan, popolazioni assai diverse tra loro: come confondere lo scooterista che usa il suo mezzo anche per la spesa familiare di una settimana effettuando arditi equilibrismi, con il chopperista col suo bolide che non si parcheggia certo nei vicoli del centro?

Un’altra grande distinzione esiste poi tra irriducibili e stagionali. Se alcuni motociclisti non temono le temperature sottozero e non disdegnano l’uso della moto anche con la pioggia battente in inverno, non sono pochi quelli che proprio non se la sentono di soffrire il freddo o di rischiare cadute sull’asfalto gelato e preferiscono lasciare nel box il proprio mezzo almeno fino a quando il clima diventa più clemente.


Box-Mobile_shutterstock_493039060.jpg?MOD=AJPERES&CACHEID=ROOTWORKSPACE-c7a2c183-a239-4592-84df-7a233d58ef3d-smartphone-lZ7Ut2z

Un lungo parcheggio da preparare con cura

Si tratta di un lungo parcheggio che, se non affrontato con qualche precauzione, potrebbe rivelarsi pericoloso per la salute della moto, a causa dell’inattività forzata. Bisogna possibilmente evitare di lasciarla semplicemente in un cortile ed è consigliabile trovare un ricovero dotato almeno di una tettoia, anche se un garage (possibilmente non umido) rimane la soluzione ideale.

A soffrire è in primo luogo la batteria che, per effetto del freddo e dell’assenza della ricarica assicurata in movimento dall’alternatore, tende a scaricarsi. Per questo motivo è buona norma rimuoverla dal suo alloggiamento e ricordarsi, almeno una volta al mese, di effettuare un ciclo di ricarica. Una soluzione aggiuntiva, in particolare se il veicolo è dotato di impianto antifurto – funzionante solo se la batteria è in piena potenza – prevede l’utilizzo di un cosiddetto mantenitore di carica, un dispositivo che provvede ad alimentarla lentamente interrompendosi solo al raggiungimento del massimo livello, per poi riprendere automaticamente dopo qualche tempo. Naturalmente questo espediente è possibile solo se il locale è dotato di una presa di corrente.


Box-Mobile_shutterstock_614689850.jpg?MOD=AJPERES&CACHEID=ROOTWORKSPACE-8b95a750-29b0-46d5-95ee-2d085db54130-smartphone-lZ7UtoL

La sosta prolungata nella medesima posizione può nuocere alla salute delle gomme, che possono perdere lentamente pressione e schiacciarsi nella zona a contatto con il terreno per effetto del peso, generando in seguito saltellamenti e vibrazioni durante la guida. L’inconveniente si può eliminare provvedendo a verificare frequentemente la pressione dei due pneumatici o, meglio ancora, parcheggiando la moto sul cavalletto centrale (se è presente) e inserendo piccoli spessori sotto la ruota che tocca terra, con l’obiettivo di distribuire in modo più equilibrato il peso. 

Box-Mobile_shutterstock_398713441.jpg?MOD=AJPERES&CACHEID=ROOTWORKSPACE-c1d778ef-98e5-4f4f-baa1-8ae78939b114-smartphone-lZ7UtxM

Pochi mesi di inattività non richiedono lo svuotamento del serbatoio, tuttavia per i modelli meno recenti e dotati di rubinetti, è buona norma chiuderli e svuotare i carburatori: le tecniche utilizzabili sono due, in funzione dell’anzianità della moto. I modelli più datati, equipaggiati con carburatori e uno o due rubinetti nella parte inferiore permettono uno svuotamento completo. Si ruota la levetta in posizione “chiuso”, si stacca il tubo e dopo averlo inserito in una tanica si posiziona il rubinetto su “riserva” e si attende che scenda tutta la benzina. Le moto più recenti, con alimentazione a iniezione elettronica, renderebbero più complessa l’operazione di svuotamento, non alla portata di meccanici improvvisati. Per motivi di sicurezza, la benzina non può essere custodita in cantina o nei box sotterranei, meglio quindi utilizzarla travasandola nel serbatoio di un’auto. Se proprio non ci sono alternative, può essere conservata nelle apposite taniche in metallo omologate (mai in fustini in materiale plastico) e in ambienti ben aerati, lontani da fonti di calore.

Attenzione alla carrozzeria

Nel caso di parcheggio in una zona umida, o peggio ancora salmastra, è consigliabile provvedere a salvaguardare le parti verniciate, le cromature e il motore dalla corrosione applicando un apposito spray protettivo, che in seguito potrà essere facilmente rimosso con un accurato lavaggio. Diversamente si può sempre usare il classico vecchio metodo di spalmare uno strato di vaselina. Dopo avere lubrificato la catena sui modelli che prevedono questo tipo di trasmissione, il mezzo può essere ricoverato e lasciato al letargo invernale, dopo averlo coperto con un telo apposito, acquistabile anche online con prezzi dai 10 ai 50 euro. Per chi invece non dispone di box o tettoia, la scelta del giusto telo coprimoto è fondamentale: deve essere sufficientemente protettivo, possibilmente felpato e il più possibile coprente.


Box-Mobile_shutterstock_598728389.jpg?MOD=AJPERES&CACHEID=ROOTWORKSPACE-f31b4852-f4f8-43ca-bb20-a2ca89e63c69-smartphone-lZ7UtG0

Controllare gli accessori

Una volta riposta la moto, è il momento di dedicarsi al casco e agli accessori. Una buona pulizia del casco, con lavaggio accurato del suo interno, dovrebbe essere effettuata regolarmente, e di certo va effettuata prima della pausa invernale. Anche l’abbigliamento tecnico va riposto correttamente lavato così come i bauletti, per essere sicuri di non trovare brutte sorprese (e cattivi odori) alla ripresa della attività motociclistica

Come risparmiare sulle polizze

Una volta ultimate le formalità pratiche, che garantiscono di ritrovare il veicolo in perfette condizioni quando sarà il momento, non resta che pensare a quelle burocratiche. La soluzione più conveniente per chi non usa le due ruote 12 mesi l’anno sono le polizze di nuova generazione: possono essere sospese, ma rimanere attive per la protezione contro l’incendio e il furto nei mesi di fermo. Inoltre, offrono la possibilità aggiuntiva di assicurare i bauletti e le borse laterali, anche se questi sono accessori after market e non fanno parte della dotazione di serie.
@TODO tpdTagUtileASapersiContainer
Seguici su

UnipolSai Assicurazioni S.p.A

Sede Legale: Via Stalingrado, 45 40128 Bologna

Telefono: 051 5076111 - Fax: 051 375349 - Mail Pec: unipolsaiassicurazioni@pec.unipol.it

Capitale sociale € 2.031.456.338,00 - Registro delle Imprese di Bologna

C.F. 00818570012 e P.IVA 03740811207

Dati societari

UnipolSai Assicurazioni S.p.A. è la Compagnia assicurativa multiramo Gruppo Unipol, leader in Italia nei rami danni, in particolare nell’RCAuto. Fortemente attiva anche nei rami Vita, occupa una posizione di assoluta preminenza nella graduatoria nazionale dei gruppi assicurativi per raccolta diretta, e serve oltre 10 milioni di clienti. La Compagnia opera attraverso la più grande rete agenziale d’Italia, forte di circa 2.500 agenzie assicurative e oltre 5.300 subagenzie distribuite sul territorio nazionale, tramite la quale offre una gamma completa di prodotti e servizi assicurativi, ed è leader indiscussa nella telematica assicurativa per il Ramo Auto. UnipolSai Assicurazioni ti offre soluzioni per assicurare la tua mobilità, la tua casa, il tuo lavoro, la tua protezione, il tuo risparmio. Scopri tutti i vantaggi a te riservati e costruisci la tua serenità!