wtc_start_breadcrumb Risparmio > Previdenza > Fondo Pensione Aperto > Informazioni utili wtc_end_breadcrumb
0011223300
0044556600
agricoltura_home page 1440x570

Fondo Pensione Aperto

UNIPOLSAI PREVIDENZA FPA

COSA MI SERVE SAPERE PER ...

0011223300
0044556600

Per i clienti UnipolSai, la garanzia di essere seguiti al meglio  

Consulta le informazioni utili per gestire senza problemi la tua posizione previdenziale

0011223300
0044556600
visual sito unipolsai_generiche (5)

CONTRIBUZIONE

   

È possibile effettuare versamenti volontari tramite bonifico bancario su conto corrente IBAN IT63Y0347901600000800805604 intestato a: “UnipolSai Assicurazioni S.p.A. – rubrica fondo pensione aperto UNIPOLSAI PREVIDENZA FPA” (presso: BNP PARIBAS SECURITIES SERVICES - Via Ansperto 5 - 20100 Milano MI - codice SWIFT/BIC: PARBITMMXXX) indicando in causale: codice fiscale (OBBLIGATORIO) - nome dell’aderente e numero iscrizione.

NB: conto dedicato esclusivamente al fondo pensione aperto UNIPOLSAI PREVIDENZA FPA (albo Covip: 30), da non utilizzare per  versamenti a piani individuali pensionistici (PIP) o ad altri fondi pensione diversi da UnipolSai Previdenza FPA. Per i versamenti volontari che si intendono effettuare nel mese di dicembre si consiglia di effettuarli entro la prima metà di dicembre di ciascun anno.                                                                                                 

Per effettuare versamenti ricorrenti è possibile attivare una disposizione permanente di bonifico continuativo (tramite il proprio istituto di credito) oppure sottoscrivere un Mandato SDD - SEPA DIRECT DEBIT CORE (ex RID) presso la propria Agenzia UnipolSai di riferimento.                                                                                                                                               

Qualora l'aderente volesse destinare al fondo pensione il TFR derivante dal proprio rapporto di lavoro dipendente, dovrà darne comunicazione al datore di lavoro compilando il modello TFR2 (disponibile sul sito internet dell’INPS) una copia del quale deve essere controfirmata dal datore di lavoro e rilasciata per ricevuta.  Inoltre è necessario comunicare al fondo pensione i seguenti dati dell’azienda:

  • ragione sociale
  • codice fiscale e P.IVA
  • sede legale
  • recapito posta/telefono/email
  • referente per la contribuzione al fondo

La comunicazione potrà essere inviata al fondo pensione dall’aderente o dal datore di lavoro tramite la casella di posta elettronica fondiaperti@unipolsai.it, indicando nell’oggetto “Destinazione TFR: Cognome Nome Aderente - Ragione sociale Azienda”.

Ricevute le informazioni richieste, il fondo pensione comunicherà all’azienda le istruzioni per il versamento dei contributi ed il caricamento della distinta di contribuzione.

In caso di variazione del datore di lavoro è necessario utilizzare la stessa modalità per comunicare al fondo pensione i dati della nuova Azienda


0011223300
0044556600
18.3.0_ServizioClienti_Finanziari

In base alla normativa vigente sono deducibili dai redditi tutti i contributi versati entro il 31 dicembre di ciascun anno, fino ad un massimo di5.164,57 e con esclusione dei contributi di TFR, relativamente all’anno fiscale nel quale sono stati versati; nel calcolo di questo limite fanno cumulo anche eventuali contributi versati dal datore di lavoro nel corso dell’anno e già portati in deduzione sul CUD.   

Per maggiori informazioni è possibile consultare la “nota informativa” e il “documento sul regime fiscale” disponibili all’interno sul sito internet della Compagnia www.unipolsai.it seguendo il percorso Risparmio – Previdenza – Fondo Pensione Aperto – Documenti.

In caso di versamenti effettuati dal datore di lavoro, i contributi potrebbero essere già stati portati in deduzione all’interno del CUD (sia i contributi a carico del dipendente, sia quelli a carico dell’azienda; non sono invece deducibili i contributi per il TFR conferito).

Eventuali contributi versati ma non portati in deduzione (ad esempio perché superano il limite annuo di € 5.164,57) devono essere comunicati al fondo pensione entro il 31 dicembre dell’anno successivo o al momento della richiesta di liquidazione (in sede di liquidazione, tali contributi non concorreranno al calcolo della base imponibile per la determinazione dell’imposta dovuta).

A tal fine è possibile utilizzare il modello “Autocertificazione per contributi non dedotti” disponibile  sul sito internet della Compagnia www.unipolsai.it seguendo il percorso Risparmio – Previdenza – Fondo Pensione Aperto – Modulistica per l’aderente.

0011223300
0044556600
visual sito unipolsai_generiche (2)

RENDICONTAZIONE

La comunicazione periodica agli aderenti viene inviata annualmente per posta (di norma entro la fine di marzo di ciascun anno); inoltre una copia della stessa in formato pdf viene successivamente messa a disposizione  per la consultazione all’interno dell' area riservata dell’aderente.   
La comunicazione  relativa ai  contributi versati al fondo pensione  nel corso dell’anno viene spedita agli aderenti indicativamente entro il mese di marzo dell’anno successivo; una copia della stessa  è inoltre disponibile presso l’Agenzia di riferimento e una in formato pdf viene successivamente messa a disposizioneper la consultazione all’interno dell’ area riservata dell'aderente

È possibile richiedere un duplicato dei suddetti documenti scrivendo a fondiaperti@unipolsai.it (indicando nell’oggetto “Richiesta duplicati: Cognome Nome Aderente” e allegando copia del proprio documento di identità).  Per garantire la corretta spedizione della futura corrispondenza cartacea, si consiglia di verificare ed eventualmente aggiornare il proprio recapito postale.

Le forme pensionistiche complementari (Piani Individuali Pensionistici, Forme Individuali Pensionistiche, Fondi Pensione Aperti) non rientrano tra i rapporti finanziari da comunicare nella DSU - Dichiarazione Sostitutiva Unica ai fini ISEE (tranne il caso di prestazione erogata in forma di rendita, quando il contribuente deve indicare l'ammontare del relativo reddito; non devono invece essere indicate le prestazioni erogate sotto forma di capitale o la posizione maturata durante la fase di accumulo).  I contributi versati alle forme pensionistiche complementari non concorrono a formare il reddito imponibile IRPEF dell’iscritto in quanto sono deducibili dal suo reddito complessivo nel limite annuo di € 5.164,57 ai sensi dell’art. 10, c. 1, lett. e-bis) del TUIR. Ai fini ISEE, in particolare per la composizione del patrimonio mobiliare, non vengono considerati i predetti contributi, pertanto nessuna dichiarazione in merito viene rilasciata agli aderenti.

Sul sito internet della Compagnia www.unipolsai.it è possibile consultare la pagina dedicata al fondo pensione, seguendo il percorso Risparmio – Previdenza - Fondo Pensione Aperto; scorrendo la pagina fino a selezionare il link ‘Quotazione e Rendiconti’ si potrà  verificare il valore quota settimanale dei comparti di proprio interesse.  (NB: se non diversamente specificato, alle adesioni di tipo individuale si applica la CLASSE ORDINARIA. Le classi 1, 2, 3 e 4 sono dedicate alle adesioni su base collettiva e convenzionata; inoltre la classe 2 si applica agli aderenti provenienti dal fondo UNIPOL INSIEME).


0011223300
0044556600
AMMINISTRAZIONE

È possibile aggiornare i recapiti in autonomia dall’interno dell’area di consultazione on line, oppure compilando e spedendo il modulo “Richiesta di variazione” disponibile nella pagina dedicata al Fondo Pensione Aperto UNIPOLSAI PREVIDENZA FPA.  

Per designare o variare i beneficiari della posizione individuale in caso di decesso, rivolgersi alla propria Agenzia o Intermediario di riferimento, che provvederà ad inserire i dati e a raccogliere la firma nel modulo di designazione/variazione.  Se non si ha un’Agenzia o Intermediario di riferimento, è possibile utilizzare il modulo “Richiesta di variazione” disponibile nella pagina dedicata al Fondo Pensione Aperto UNIPOLSAI PREVIDENZA FPA. Si ricorda che in assenza di beneficiari designati, in caso di premorienza dell’aderente, la posizione individuale maturata potrà essere riscattata dagli eredi.

Per cambiare il comparto di investimento scelto rivolgersi alla propria Agenzia di riferimento o Intermediario, che provvederà ad inserire i dati e a raccogliere la firma nel modulo di variazione.  Se non si ha un'Agenzia o un Intermediario di riferimento, è possibile utilizzare il modulo “Richiesta destinazione contributi (switch)” disponibile nella pagina dedicata al Fondo Pensione Aperto UNIPOLSAI PREVIDENZA FPA.

0011223300
0044556600
64.0_denuncia sinistro_preapertura_pubblica_bisognodelmodulocai_desktop_1440

ASSISTENZA

Per assistenza sulla posizione previdenziale contattare l’Agenzia o l’Intermediario di riferimento; se non si ha un’Agenzia di riferimento è possibile sceglierla qui ed inviare alla Compagnia richiesta scritta di domiciliazione (o rilasciarla direttamente all’Agenzia, che provvederà a trasmetterla alla Compagnia).


Per informazioni di carattere generale si suggerisce  di consultare il sito internet della Compagnia www.unipolsai.it (selezionando il menu RISPARMIO / PREVIDENZA / FONDO PENSIONE APERTO):
  • nella sezione “DOCUMENTI” troverà la “nota informativa”, documento che illustra il funzionamento delle forme pensionistiche e il “regolamento” (documento, redatto sulla base di uno schema adottato dalla COVIP, che definisce gli elementi identificativi del fondo, le caratteristiche, la contribuzione, le prestazioni, i profili organizzativi ed i rapporti con gli aderenti). Troverà inoltre la “Documentazione precontrattuale a consegna obbligatoria prima dell’adesione”, che comprende: la “Sezione I - Informazioni chiave per l’aderente” e la “Scheda dei costi”, facenti parte della Nota Informativa, nonché la ”La mia Pensione Complementare - Versione Standardizzata”(che consente una proiezione di rendita ottenibile in alcune situazioni-tipo) e il “Modulo di adesione”;
  • nella sezione “MODULISTICA PER L’ADERENTE” troverà, tra gli altri, il modello con le istruzioni per presentare la richiesta di (i) anticipazione, (ii) prestazione pensionistica, (iii) riscatto (iv) riscatto per decesso dell’aderente (v) RITA (si ricorda che le erogazioni sono soggette in sede di liquidazione ad imposizione fiscale di legge).

Ulteriore documentazione è disponibile sul sito della compagnia www.unipolsai.it selezionando il menù RISPARMIO / PREVIDENZA / FONDO PENSIONE APERTO nella sezione  “DOCUMENTI”).


0011223300
0044556600
64.0_DenunciaSinistroPreapertura-Landing-page_Pubblica_RecarsiInAgenzia

Per trasferire ad UNIPOLSAI PREVIDENZA FPA la posizione già esistente presso altro fondo, è necessario inviare una richiesta al fondo cedente (utilizzando il modulo disponibile nella sezione dedicata al Fondo Pensione Aperto UNIPOLSAI PREVIDENZA FPA) unitamente ad una copia del documento di identità del richiedente. Si suggerisce di inviare copia della  predetta documentazione  anche alla Compagnia. Al ricevimento della richiesta di trasferimento della posizione , il fondo cedente contatterà la Compagnia per ottenere le necessarie autorizzazioni.   

 Per trasferire ad altro fondo la posizione già esistente presso UNIPOLSAI PREVIDENZA FPA, è necessario inviare la richiesta alla Compagnia (utilizzando il modulo disponibile nella sezione dedicata al Fondo Pensione Aperto UNIPOLSAI PREVIDENZA FPA) unitamente ad una copia del documento di identità del richiedente. Si suggerisce di inviare copia della predetta documentazione anche al fondo di destinazione. Al ricevimento della richiesta di trasferimento della posizione, la Compagnia contatterà il fondo cedente per ottenere le necessarie autorizzazioni.

 Il trasferimento tra forme pensionistiche può essere richiesto decorsi 2 anni di iscrizione al fondo cedente. Si ricorda che il trasferimento verrà autorizzato soltanto se risulta già perfezionata l’adesione al fondo di destinazione.

0011223300
0044556600
visual sito unipolsai_generiche (3)

PRESTAZIONI

   

Il diritto alla prestazione pensionistica si acquisisce al momento del raggiungimento dei requisiti di accesso alle prestazioni stabilite nel regime obbligatorio di appartenenza, decorsi 5 anni di partecipazione alla forma pensionistica complementare.

Ilriscatto parziale, nella misura del 50%,  della posizione individuale maturata, può essere richiesto in caso di:
cessazione dell’attività lavorativa che comporti l’inoccupazione per un periodo di tempo non inferiore 12 mesi e non superiore a 48 mesi;
ricorso da parte del datore di lavoro a procedure di mobilità, cassa integrazione guadagni ordinaria e straordinaria.
Il riscatto totalepuò essere richiesto in seguito a:
invalidità permanente che comporti la riduzione della capacità lavorativa a meno di un terzo;
cessazione dell’attività lavorativa che comporti la riduzione della capacità lavorativa a meno di un terzo;
cessazione dell'attività lavorativa  che comporti l'inoccupazione per un periodo di tempo superiore a 48 mesi;
decesso dell’aderente
perdita dei requisiti di partecipazione (per le adesioni su base collettiva: cessazione dell'attività lavorativa presso l’ente/azienda (datore di lavoro); per le adesioni su base individuale: perdita dello status di “lavoratore”).

L’anticipazione può essere richiesta per:
spese sanitarie a seguito di gravissime situazioni relative a sé, al coniuge e ai figli per terapie e interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche (in qualsiasi momento e fino ad un massimo del 75% della posizione maturata);
per l' acquisto o la ristrutturazione della prima casa di abitazione per sé o per i figli (decorsi 8 anni di iscrizione e fino ad un massimo del 75% della posizione maturata);
per  ulteriori esigenze dell'aderente (decorsi 8 anni di iscrizione e fino ad un massimo del 30% della posizione maturata).
La rendita temporanea anticipata (RITA)può essere richiesta, decorsi 5 anni di iscrizione alla previdenza complementare: 
dai lavoratori che  cessano l’attività lavorativa e maturano l’età anagrafica per la pensione di vecchiaia nel regime obbligatorio di appartenenza entro i cinque anni successivi e che hanno maturato, alla data della domanda di accesso alla prestazione, un requisito contributivo complessivo di almeno venti anni nei regimi obbligatori di appartenenza;
dai lavoratori che risultano inoccupati per un periodo di tempo superiore a ventiquattro mesi e che maturano l’età anagrafica per la pensione di vecchiaia nel regime obbligatorio di appartenenza entro i dieci anni successivi

I moduli con le relative istruzioni per richiedere le prestazioni sono disponibili sul sito internet della Compagnia www.unipolsai.it seguendo il percorso Risparmio – Previdenza – Fondo Pensione Aperto – Modulistica per l’aderente.

Per assistenza nella presentazione della richiesta è possibile rivolgersi all’Agenzia o all'Intermediario di riferimento. 


dai lavoratori che risultano inoccupati per un periodo di tempo superiore a ventiquattro mesi e che maturano l’età anagrafica per la pensione di vecchiaia nel regime obbligatorio di appartenenza entro i dieci anni successivi
0011223300
0044556600
AZIENDA

Se un dipendente ha destinato il TFR al Fondo Pensione Aperto UNIPOLSAI PREVIDENZA FPA (iscritto all’albo tenuto dalla Covip con il n. 30), l’azienda dovrà scrivere a fondiaperti@unipolsai.it specificando: 

- Dati azienda (ragione sociale, codice fiscale e P.IVA, sede legale, recapito posta/telefono/email, referente per la contribuzione al fondo); 

- Dati Dipendente (cognome, nome, codice fiscale, data assunzione/destinazione TFR al fondo);

- Modulo di adesione sottoscritto dal dipendente.

Il Fondo provvederà a gestire le informazioni ricevute inviando all’azienda le istruzioni per il versamento e le credenziali di accesso al portale dedicato alle aziende.

 Versamento contributi per un dipendente: con bonifico bancario sul conto corrente IBAN: IT63Y0347901600000800805604intestato a “UnipolSai Assicurazioni S.p.A. – rubrica fondo pensione aperto UNIPOLSAI PREVIDENZA FPA” (presso: BNP PARIBAS SECURITIES SERVICES - Via Ansperto 5 - 20100 Milano MI - codice SWIFT/BIC: PARBITMMXXX).

Indicare in causale: codice azienda e/o partita iva, periodo di competenza. In caso di solo TFR per un unico dipendente, aggiungere la dicitura “TFR”, codice fiscale (OBBLIGATORIO) e nominativo. In caso di più fonti e/o più dipendenti iscritti, è necessario compilare la distinta sul sito dedicato alle aziende.

0011223300
0044556600