wtc_start_breadcrumb Investimenti sostenibili wtc_end_breadcrumb
0011223300
0044556600
0011223300
0044556600

INVESTIMENTI SOSTENIBILI

0011223300
0044556600

Per il nostro Gruppo, l’attenzione ai temi sociali e ambientali è un impegno ormai quasi trentennale (iniziato con la pubblicazione, nel 1993, del primo Rapporto Sociale di Unipol Assicurazioni). 

La sostenibilità nel lungo periodo rappresenta l’aspetto cardine dell’approccio al business del Gruppo Unipol, con l’integrazione dei fattori ambientali, sociali e di governance (Environmental, Social, Governance o, in breve, ESG) nelle strategie e nei processi aziendali. 

Avere una strategia orientata alla sostenibilità significa per il Gruppo Unipol focalizzare il proprio impegno sull’innovazione, avendo come primario obiettivo il miglioramento della qualità della vita dei clienti, proponendo soluzioni per la tutela, il supporto e la realizzazione dei loro progetti, ed essere partner di imprese, istituzioni, comunità territoriali per affiancarne lo sviluppo e promuoverne il benessere, nel rispetto dell’ambiente e dei diritti umani e nell’osservanza di buone pratiche di condotta aziendale.

Nel settore degli investimenti, fin dal 2012, il Gruppo ha adottato una metodologia trasparente volta al presidio dei temi e dei rischi ESG, con l’attivazione di strategie di esclusione e di screening del portafoglio basato sul rispetto delle principali Convenzioni Internazionali, verificate attraverso monitoraggi ex post, con la collaborazione di un consulente esterno specializzato nell’assegnazione di rating ESG e nella costruzione di indici di sostenibilità.

Nel 2017 il Gruppo Unipol ha aderito agli UN-PRI (United Nations Principles for Responsible Investment), che rappresentano gli standard più autorevoli nell’ambito della finanza sostenibile, e nel 2018 al Global Compact delle Nazioni Unite, iniziativa globale che incoraggia e guida le aziende di tutto il mondo ad adottare pratiche sostenibili.

Nel 2019 il Gruppo ha approvato le “Linee Guida per l’indirizzo dell’attività di Investimento con riferimento agli Investimenti Responsabili (Investment Policy SRI)” impegnandosi pubblicamente a rafforzare l’integrazione dei rischi e opportunità legati ai fattori ESG nel processo decisionale di investimento.

Con alle spalle questa esperienza, abbiamo deciso di lanciare un prodotto di investimento assicurativo interamente sostenibile, offrendo anche ai nostri Clienti l’opportunità di partecipare alla realizzazione di quegli obiettivi in cui crediamo: UnipolSai Investimento MixSostenibile rappresenta un ulteriore passo nell’impegno volto a promuovere una crescita sostenibile nel lungo periodo, inclusiva e rispettosa dell’ambiente.

Il prodotto UnipolSai Investimento MixSostenibile è una soluzione assicurativa multiramo, collegata alla Gestione separata FONDIREND e al Fondo interno ESG UnipolSai, che integra i fattori ambientali, sociali e di governance nei criteri di selezione e gestione degli investimenti, valutando anche investimenti tematici attraverso i quali svolgere un ruolo attivo nel contribuire a mitigare i problemi ambientali o sociali, quali le sfide del cambiamento climatico, l'esaurimento delle risorse, le disuguaglianze economiche e sociali.

Nella storica Gestione Separata FONDIREND sono infatti integrati anche i fattori ESG nei criteri di selezione e di gestione degli investimenti, mentre il nuovo Fondo Interno ESG UnipolSai è stato istituito appositamente ed adotta uno stile di gestione flessibile teso a selezionare gli strumenti finanziari con le migliori prospettive di rendimento, ponderate per il rischio, che soddisfino i criteri di selezione rivolti ad una valutazione della responsabilità ESG.

Per entrambi i sottostanti viene adottato un approccio sistematico agli investimenti ESG su tutte le asset class, sulla base delle best practice di settore. L’utilizzo dei fattori ESG nel processo di investimento favorisce una gestione efficiente degli elementi di rischio del portafoglio, anche in contesti caratterizzati da elevata volatilità. I fattori ESG rappresentano aspetti di rilievo da considerare, sia nell’ottica di un migliore presidio del rischio che in quella della più efficace individuazione di ambiti di attività in grado di creare valore rispondendo alle istanze sociali e ambientali maggiormente rilevanti; l’inclusione proattiva di questi fattori nel processo di investimento favorisce il raggiungimento di rendimenti finanziari a lungo termine adeguati al rischio.

L’integrazione dei fattori ESG è presidiata attraverso il supporto di un consulente specializzato, che analizza costantemente gli emittenti e gli strumenti finanziari sottostanti al prodotto per verificare che rispettino gli standard ambientali, sociali e di governance definiti dall’Investment Policy SRI del Gruppo con riferimento alle norme e agli standard internazionali riconosciuti.

Per la selezione delle imprese nelle quali investire sono tenuti in considerazione elementi di tipo ambientale (presenza di una strategia e di una politica di gestione che tenga in considerazione l’impatto ambientale dei propri processi produttivi), sociale (qualità delle relazioni instaurate tra l’impresa e tutti i suoi stakeholders) e di governance (struttura organizzativa, posizionamento di mercato, situazione regolamentare e politica dei Paesi nei quali l’impresa opera). Per quanto riguarda gli emittenti vengono esclusi gli investimenti in Società che, nello svolgimento della loro attività principale, siano coinvolti in violazioni dei diritti umani e dei lavoratori, produzione di armi non convenzionali, gioco d’azzardo, sfruttamento delle risorse naturali che non tenga nel dovuto conto i relativi impatti ambientali, utilizzo sistematico della corruzione nella gestione del business.  

Nell’ambito degli investimenti in titoli governativi, con riferimento ai Paesi emittenti sono tenuti in considerazione elementi di tipo ambientale (ratifica delle principali convenzioni in materia di tutela ambientale), sociale (ratifica delle principali convenzioni in materia di rispetto dei Diritti dell’Uomo e dei Diritti dei Lavoratori) e di governance (valutazione del contesto istituzionale del Paese in termini di presenza di istituzioni democratiche, libertà economica, livello di corruzione).

Una particolare attenzione è riservata all’impatto delle scelte di investimento sul cambiamento climatico, riconosciuto come emergenza che richiede il massimo impegno da parte degli operatori del settore finanziario.

Per quanto riguarda il Fondo Interno, gli OICR possono rientrare nell’universo investibile qualora adottino strategie di investimento coerenti con metriche ESG. Gli OICR governativi, qualora non dichiarino esplicitamente di adottare i criteri sopra specificati, possono comunque rientrare nell’universo investibile se investono in emittenti governativi considerati “eligible” secondo i criteri ESG definiti nell’Investment Policy SRI del Gruppo.